Il messianico della Silicon Valley

“Il messianico della Silicon Valley

Ci si dovrebbe chiedere come sono riusciti, Google, Facebook, Amazon, Apple e compagni a realizzare tutto questo. La risposta è che gliel’abbiamo permesso noi. In qualche modo, spiega il filosofo Maurizio Ferraris nel suo saggio “Mobilitazione totale”, i servizi tecnologici hanno fatto emergere la nostra natura di schiavi volenterosi. Nel suo ultimo libro, “Psicopolitica”, il filosofo Byung-Chul Han, che già aveva smontato il mito della trasparenza, sottolinea come il mondo digitale ci dà la sensazione di essere sempre liberi, autonomi, una seduzione fatale per il nostro istinto di conservazione che cede alla passività del consumatore cedendo anche tutti i suoi dati, tutto della sua vita. Perché non teme più nulla.

Evgeny Morozov, nemico pubblico numero uno della Silicon Valley, denuncia da anni il modello di queste società data-centriche che sono riuscite «a convertire ogni aspetto della nostra vita – ciò che di norma costituiva l’unica tregua dagli imprevisti del lavoro e dalle ansie del mercato – in una risorsa produttiva». La denuncia però cozza con la convinzione di molti che queste aziende siano davvero in grado di migliorare il mondo, di aumentarne il grado di uguaglianza e prosperità, promettendo una soluzione per tutto. Quello che ci aspetta dalla democrazia.” ( ved il resto http://www.linkiesta.it/it/article/2016/07/02/ecco-il-lato-antidemocratico-di-google-e-facebook/31026/ )

Un articolo ben fatto divulgativo, fatelo girare

Questa voce è stata pubblicata in Internet, Le style est l’homme même, Polis, Tecnologie. Contrassegna il permalink.